IV GIORNATA MONDIALE DEI POVERI Domenica XXXIII del Tempo Ordinario – 15 novembre 2020

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE FRANCESCO

“Tendi la tua mano al povero” (cfr Sir 7,32)

“Tendi la tua mano al povero” (cfr Sir 7,32). La sapienza antica ha posto queste
parole come un codice sacro da seguire nella vita. Esse risuonano oggi con tutta la
loro carica di significato per aiutare anche noi a concentrare lo sguardo
sull’essenziale e superare le barriere dell’indifferenza. La povertà assume sempre
volti diversi, che richiedono attenzione ad ogni condizione particolare: in ognuna di
queste possiamo incontrare il Signore Gesù, che ha rivelato di essere presente nei
suoi fratelli più deboli (cfr Mt 25,40).

Nessuno si salva da solo. Pace e Fraternità: Incontro internazionale di Preghiera per la Pace promosso dalla Comunità di Sant’Egidio 20 ottobre 2020

OMELIA DEL SANTO PADRE FRANCESCO
DURANTE LA PREGHIERA DEI CRISTIANI

Basilica di Santa Maria in Aracoeli

È un dono pregare insieme. Ringrazio e saluto con affetto tutti voi, in particolare Sua Santità il Patriarca Ecumenico, il mio fratello Bartolomeo e il caro Vescovo Heinrich, Presidente del Consiglio della Chiesa Evangelica in Germania. Purtroppo, il Reverendissimo Arcivescovo di Canterbury Justin non è potuto venire a causa della pandemia.

Il brano della Passione del Signore che abbiamo ascoltato si situa appena prima della morte di Gesù e parla della tentazione che si abbatte su di Lui, stremato sulla croce. Mentre vive il momento più alto del dolore e dell’amore, molti, senza pietà, scagliano contro di Lui un ritornello: «Salva te stesso!» (Mc 15,30). È una tentazione cruciale, che insidia tutti, anche noi cristiani: è la tentazione di pensare solo a salvaguardare sé stessi o il proprio gruppo, di avere in testa soltanto i propri problemi e i propri interessi, mentre tutto il resto non conta. È un istinto molto umano, ma cattivo, ed è l’ultima sfida al Dio crocifisso.

Giornata mondiale del Migrante e del Rifugiato “Mediterraneo, mare di meticciato e frontiera di pace” 26 settembre 2020 – Intervento Mons. Cacucci

La migliore comprensione dell’incontro di Bari si ha partendo dell’intervento di papa Francesco, il 23 febbraio, nella Basilica di San Nicola, di fronte ai Vescovi delle Chiese che si affacciano sul Mediterraneo e a una larga partecipazione dei Vescovi Italiani.
Il Santo Padre collega l’incontro dello scorso febbraio a quello tenutosi, sempre a Bari, il 7 luglio del 2018, quando, «per la prima volta, dopo il grande scisma» si sono incontrati i Capi delle Chiese e delle Comunità cristiane (Ortodosse, Cattoliche, Evangeliche), in preghiera per la pace in Medio Oriente.

Mediterraneo frontiera di pace – Bari 19-23 Febbraio 2020 (mediterraneodipace.it)